Pompei è una delle attrazioni turistiche italiane più visitate. Ricca città commerciale dell’impero romano, è il più interessante sito archeologico d’Europa, con circa 3 milioni di visitatori all’anno. Gran parte del valore di Pompei sta nel fatto che la città non è solo stata spazzata via dal Vesuvio, ma è stata sepolta da uno strato di lapilli. Il risultato è una città ben conservata, a testimonianza della vita antica, dove i visitatori possono camminare tra quelle che furono le strade dell’impero, tra case, templi, negozi, ritrovi pubblici, anfiteatri.

A 1 chilometro di distanza dalle rovine, sorge il Santuario delle Beata Vergine del Rosario, meta di pellegrinaggi provenienti da ogni parte del mondo.

L’are archeologica di Pompei è molto vasta, tanto da trascorrervi anche un’intera giornata. Un’informazione pratica da tener presente è il pagamento del biglietto d’ingresso esclusivamente in contanti. I minori di 18 anni ed i maggiori di 65, cittadini europei, usufruiscono di uno sconto sul biglietto.

Se si visita Pompei nei mesi caldi, è consigliabile munirsi di acqua, cappello e creme solari, data la scarsità di ombra lungo la passeggiata. L’intero sito è quasi completamente esposto al sole.

Inoltre, la pavimentazione con ciottoli, impone scarpe comode. Impossibile accedere con passeggini o con sedie a rotelle.

Una mappa dell’intera area è fondamentale, per potersi ben orientare all’interno del sito. Il consiglio è affidarsi ad un’esperta guida della città.

Tra le varie attrazioni, ci sono le Terme Suburbane, appena fuori dalle mura della città. Un luogo pubblico famoso per gli affreschi erotici che decorano i muri.

Porta Marina è l’ingresso principale, la più impressionante delle sette porte che punteggiavano le antiche mura. Un passaggio che, in origine, collegava la città con il vicino porto.

Proseguendo lungo via Marina, si incontra il Forum. Il Forum era la piazza principale della città ed il cuore delle attività commerciali, politiche e religiosi, oltre che un luogo d’incontro.

Qui si possono ammirare i resti della basilica, sede tribunale.

Di fronte alla basilica, il Tempio di Apollo, il più antico e più importante degli edifici religiosi di Pompei: suggestivo il portico con colonne.

Proseguendo verso nord, si incontrano il Tempio di Giove ed il Forum Granaio, quest’ultimo ora utilizzato per custodire centinaia di anfore. Il Macellum era il principale mercato del pesce e della carne della città.

pompei (1)

Lungo Via degli Augustali si arriva fino al Vicolo Lupanare. A metà di questo vicolo stretto e nascosto, ci si trova difronte all’antico bordello della città. Un piccolo edificio a due piani, con cinque camere su ogni piano. All’interno, una nutrita collezione di affreschi a sfondo erotico accoglievano i clienti.

Tornando indietro, verso via dei Teatri, si incontra il Forum Triangolare. Un teatro di 5.000 posti scolpiti nella pietra. Dietro il palco, il Quadriportico dei Teatri, inizialmente destinato al pubblico per le passeggiate tra un atto e l’altro, e, successivamente, diventato caserma per gladiatori. Accanto, il Teatro Piccolo (l’Odeion). Un teatro coperto ben noto per l’eccellente acustica.

Via Marina diventa Via dell’Abbondanza. Costeggiata da negozi, era la via principale della città. Qui si trovano le Terme Stabiane, un tipico complesso termale romano. I bagnanti passavano attraverso il tepidarium e calidarium. Particolarmente impressionante è la volta stuccata dello spogliatoio maschile, completa di immagini di putti alati e ninfe.

L’anfiteatro è di certo il luogo più suggestivo dell’intero sito archeologico. Qui si svolgevano le battaglie dei gladiatori. L’anfiteatro ospitava fino a 20.000 spettatori ed è il più antico anfiteatro romano arrivato ai giorni nostri. Vicino c’è La Grande Palestra, chiusa però al pubblico. Al suo interno si trovano i resti di una piscina.

Se Casa del Fauno è la più grande casa privata di Pompei, Villa dei Misteri è indubbiamente la più affascinante.

Ci si arriva attraverso Porta Ercolano. E’ una delle strutture più complete giunte a noi. Nell’ampia sala da pranzo impera uno dei più grandi dipinti del mondo antico. Inoltre, una fattoria ed un’area vinicola della villa sono ancora visibile.

Pompei è una di quelle esperienze uniche che, almeno una volta nella vita, va vissuta.